Un land tedesco abbandona Microsoft per il software open source

Ecco la fine del dominio di Microsoft in un Land tedesco, con la sostituzione di Windows con Linux e di Office con Libreoffice

0 124

Diventa sempre più evidente giorno dopo giorno che i paesi di tutto il mondo stanno spingendo sempre più per eliminare il lock-in tecnologico e per promuovere l’open source quando si tratta di software.

Solo pochi mesi fa, abbiamo visto i servizi di difesa indiani mirare a sostituire Windows con una distribuzione Linux locale basata su Ubuntu chiamata “Maya” nel tentativo di rafforzare la propria sicurezza e scoraggiare gli attacchi alle infrastrutture critiche.

Si può osservare una tendenza simile anche tra molti paesi europei, tra cui il più recente è la Germania, dove uno dei suoi stati sta raddoppiando il precedente impegno di passare dai prodotti proprietari di Microsoft al software open source.

Lo Schleswig-Holstein, uno dei 16 lander tedeschi, ha confermato l’intenzione di spostare decine di migliaia di sistemi da Microsoft Windows a Linux. L’annuncio fa seguito ai piani precedentemente stabiliti per migrare il governo statale da Microsoft Office a favore del software open source LibreOffice.

Allontanarsi da Microsoft: una tendenza in crescita?

Lo stato tedesco dello Schleswig-Holstein ha rinnovato i propri sforzi di migrazione verso l’open source annunciando che convertirà i circa 30.000 PC dei dipendenti dell’amministrazione statale a soluzioni open source e si sposterà verso “posti di lavoro IT digitalmente sovrani“.

Lo ha concordato il gabinetto dello stato, che ha deciso di sostituire Microsoft Office con LibreOffice come primo dei sei pilastri chiave che fanno parte del loro piano di lavoro IT digitalmente sovrano.

Il prossimo passo importante è il passaggio completo da Windows a Linux. Ma, al momento non ci sono informazioni su quale distribuzione sarà utilizzata.

Sul fronte della collaborazione, l’amministrazione statale passerà a servizi open source come Nextcloud, Open-Xchange con Thunderbird e Active Directory Connector di Univention per sostituire servizi Microsoft come Sharepoint, Exchange e Outlook.

Spingeranno inoltre per l’introduzione di un servizio di directory open source per sostituire Active Directory di Microsoft, preparando processi per gestire meglio la compatibilità/interoperabilità sia con LibreOffice che con Linux, passando anche a una soluzione di telefonia open source.

Ma, per ora, si stanno concentrando sull’integrazione di LibreOffice nel loro flusso di lavoro, rendendolo obbligatorio per la comunicazione tra ministeri e autorità statali. In caso di difficoltà tecniche o di cosiddette “circostanze professionali”, potrebbero essere concesse alcune eccezioni.

Per questo motivo hanno anche messo a disposizione dei propri dipendenti un programma di formazione che dovrebbe essere semplice da comprendere e aggiornato in base alle loro esigenze.

Tutto questo parlare di sovranità digitale potrebbe averti lasciato perplesso. Di cosa si tratta?

Ebbene, se si guarda alla definizione di sovranità digitale dell’Unione Europea, si tratta di un movimento che mira a neutralizzare l’influenza delle aziende tecnologiche extra-UE come Microsoft, Google, Apple, ecc. sui cittadini. L’obiettivo che si vuole raggiungere è che gli utenti riprendano il controllo dei propri dati personali, incoraggiando allo stesso tempo le aziende tecnologiche con sede nell’UE a prendere il centro della scena.

Per la Germania, questo è uno dei tanti passi che stanno adottando per garantirlo. Anche se hanno provato qualcosa di simile in passato, guardare indietro alla debacle di Monaco potrebbe alimentare qualche (lecito) dubbio.

Ma bisogna pur iniziare da qualche parte, giusto? Meglio tardi che mai. Solo il tempo dirà se riusciranno ad andare avanti o se il potere delle multinazionali vincerà ancora una volta.

Sogni di sovranità digitale

Spiegando la decisione, l’annuncio del governo dello Schleswig-Holstein ha indicato una maggiore sicurezza IT, l’efficienza dei costi e la collaborazione tra diversi sistemi come i vantaggi percepiti del passaggio al software open source.

Inoltre, il governo sta spingendo l’idea della sovranità digitale, con il ministro della digitalizzazione dello Schleswig-Holstein Dirk Schrödter che ha paragonato il valore del concetto a quello della sovranità energetica. L’annuncio citava anche che Schrödter ha affermato testualmente che la sovranità digitale non è realizzabile “con gli attuali prodotti IT standard sul posto di lavoro“.

Schrödter anche ha sottolineato la crescente dipendenza del governo statale dai servizi cloud e ha affermato che con i relativi software proprietari, gli utenti non hanno alcuna influenza sul flusso di dati e sulla possibilità che tali dati arrivino ad altri paesi.

Schrödter ha anche detto che la mossa aiuterebbe il bilancio statale spostando denaro dai costi di licenza a “servizi di programmazione reali della nostra economia digitale domestica” che potrebbero anche creare posti di lavoro locali.

Nel 2021, Albrecht ha affermato che lo stato sta raggiungendo i suoi limiti con i contratti di software proprietario perché “i costi di licenza hanno continuato ad aumentare negli ultimi anni”.

In secondo luogo, per quanto riguarda i nostri obiettivi di digitalizzazione dell’amministrazione, l’open source ci offre semplicemente più flessibilità“, ha aggiunto.

All’epoca, Albrecht affermò che il 90% delle videoconferenze nel governo statale si basavano sul software open source Jitsi, che si è rivelato vantaggioso durante la pandemia di COVID-19 perché lo stato è stato in grado di aumentare rapidamente la capacità di videoconferenza.

Inoltre, ha affermato che, poiché il portale della scuola è basato su un software open source, “possiamo progettare l’interfaccia in modo flessibile e combinare i servizi nel modo che desideriamo“.

Esistono numerosi altri esempi a livello globale di enti governativi che passano a Linux a favore della tecnologia open source. Alcuni esempi sono i governi federali con particolare interesse ad evitare le tecnologie basate sugli Stati Uniti, tra cui la Corea del Nord e la Cina. Anche il governo sudcoreano ha condiviso i piani per passare a Linux entro il 2026, e la città di Barcellona ha condiviso i piani di migrazione nel 2018.

Ma alcuni enti governativi che hanno fatto questa mossa se ne sono pentiti e hanno finito per tornare a Windows. Vienna ha rilasciato la distribuzione WIENUX basata su Debian nel 2005 ma ha rinunciato alla migrazione nel 2009.

Nel 2003, le istituzioni di Monaco di Baviera hanno annunciato che avrebbero spostato circa 14.000 PC da Windows a Linux. Nel 2013, il progetto LiMux si è concluso, ma gli alti costi associati e l’insoddisfazione degli utenti hanno portato Monaco ad annunciare nel 2017 che avrebbe trascorso i successivi tre anni tornando a Windows.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.