Utente root in Ubuntu: ecco le cose importanti da sapere

Quando inizi ad utilizzare Linux, si trovano fin da subito molte cose diverse rispetto a quello che siamo abituati a vedere in Windows. Una di queste "cose ​​diverse" è il concetto di utente root.

0 314

Se sei interessato a scoprire di più su questo argomento, in questo articolo potrai leggere alcune cose importanti sull’utente root in Ubuntu.

Tieni presente che la maggior parte delle cose che troverai in questo articolo non è limitato all’uso di un utente Ubuntu, ma dovrebbero essere valide per la maggior parte delle distribuzioni Linux.

In questo articolo imparerai quanto segue:

  • Perché l’utente root è disabilitato in Ubuntu
  • Utilizzo dei comandi come root
  • Passare all’utente root
  • Sbloccare l’utente root

Cos’è l’utente root? Perché è bloccato in Ubuntu?

In Linux, c’è sempre un super utente chiamato root. Si tratta di un account super amministratore che può fare qualsiasi cosa con il sistema. Può accedere a qualsiasi file ed eseguire qualsiasi comando sul tuo sistema operativo Linux.

Ma un grande potere porta con sé anche una grande responsabilità. L’utente root ti dà il potere completo sul sistema e quindi dovrebbe essere usato con grande cautela. L’utente root può accedere ai file di sistema ed eseguire comandi per apportare modifiche alla configurazione del sistema. E quindi, un comando errato può distruggere il sistema.

Questo è il motivo per cui Ubuntu e altre distribuzioni basate su Ubuntu bloccano l’utente root per impostazione predefinita per salvarti da disastri accidentali.

Non è necessario avere il privilegio di root per le attività quotidiane come spostare file nella directory principale, scaricare file da Internet, creare documenti ecc.

Vediamo un esempio per capire meglio questo concetto. Se devi tagliare un frutto, usi un coltello da cucina. Se invece devi abbattere un albero, dovrai usare una sega elettrica. Ora, puoi sicuramente usare una sega elettrica per tagliare i tuoi frutti, ma non è una scelta saggia, giusto?

Questo significa che non puoi essere root in Ubuntu o usare il sistema con i privilegi di root? No, puoi comunque accedere alla radice con l’aiuto di “sudo” (spiegato nella sezione successiva).

L’utente root è troppo potente per essere utilizzato per le attività standard di tutti i giorni. Questo è il motivo per cui non è consigliabile utilizzare sempre root. Puoi comunque eseguire comandi specifici con root, quando ne avrai bisogno.

Come eseguire i comandi come utente root in Ubuntu?

Avrai bisogno dei privilegi di root per alcune attività specifiche del sistema. Ad esempio, se si desidera aggiornare Ubuntu dalla riga di comando, non è possibile eseguire il comando come utente normale. Il sistema ti darà un errore di negato permesso.

apt update

Reading package lists... Done

E: Could not open lock file /var/lib/apt/lists/lock - open (13: Permission denied)

E: Unable to lock directory /var/lib/apt/lists/

W: Problem unlinking the file /var/cache/apt/pkgcache.bin - RemoveCaches (13: Permission denied)

W: Problem unlinking the file /var/cache/apt/srcpkgcache.bin - RemoveCaches (13: Permission denied)

Quindi, come si eseguono i comandi come root? La semplice risposta è aggiungere il comando sudo prima dei comandi che richiedono di essere eseguiti come root.

sudo apt update

Ubuntu e molte altre distribuzioni Linux usano uno speciale meccanismo chiamato sudo. Sudo è un programma che controlla l’accesso all’esecuzione di comandi come root (o altri utenti).

Sudo è in realtà uno strumento abbastanza versatile. Può essere configurato per consentire a un utente di eseguire tutti i comandi come root. È possibile configurarlo eseguendo solo alcuni comandi selezionati come root. Se lo desideri puoi anche configurare l’esecuzione di sudo senza password, sebbene mi sentirei di consigliarti di non usare questa scelta.

Per il momento, dovresti sapere che quando installi Ubuntu, sei costretto a creare un account utente. Questo account utente funziona come amministratore sul tuo sistema e secondo la politica sudo predefinita in Ubuntu, può eseguire qualsiasi comando sul tuo sistema con privilegi di root.

Presta però attenzione al fatto che l’esecuzione di sudo non richiede la password di root ma la password dell’utente.

Ed è per questo che quando si esegue un comando con sudo, viene richiesta la password dell’utente che esegue il comando sudo:

giorgiorossi@mypc:~$ sudo apt update

[sudo] password per giorgiorossi:

Come puoi vedere nell’esempio sopra, l’utente giorgiorossi stava cercando di eseguire il comando “apt update” con sudo e il sistema ha chiesto la password per giorgiorossi.

Se sei assolutamente nuovo su Linux, potresti essere sorpreso dal fatto che quando inizi a digitare la password nel terminale, sullo schermo non accade nulla. Questo è perfettamente normale perché come funzionalità di sicurezza predefinita, nulla viene visualizzato sullo schermo. Neanche gli asterischi (*): semplicemente digita la password e premi Invio.

Per eseguire i comandi come root in Ubuntu, aggiungi sudo prima del comando. Quando ti viene chiesta la password, inserisci la password del tuo account.

Come diventare utente root in Ubuntu?

Puoi usare sudo per eseguire i comandi come root. Tuttavia, in situazioni in cui è necessario eseguire diversi comandi come root e si continua a dimenticare di aggiungere sudo prima dei comandi, è possibile passare temporaneamente all’utente root.

Il comando sudo consente di simulare una shell di login di root con questo comando:

sudo -i

giorgiorossi@mypc:~$ sudo -i

[sudo] password per giorgiorossi:

root@mypc:~# whoami

root

root@mypc:~#

Noterai che quando passi a root, il prompt dei comandi della shell cambia da $ (segno del dollaro) a # (segno cancelletto).

Sebbene ti abbia mostrato come diventare l’utente root, devo avvertirti che dovresti evitare di usare il sistema come root. Dopotutto questo è il motivo principale per cui è scoraggiato l’utilizzo.

Un altro modo per passare temporaneamente all’utente root è usare il comando su:

sudo su

Se si tenta di utilizzare il comando su senza sudo, si verificherà l’errore “errore di autenticazione su”.

Puoi tornare ad essere l’utente normale usando il comando exit.

exit

Come abilitare l’utente root in Ubuntu?

Adesso sai che l’utente root è bloccato per impostazione predefinita nelle distribuzioni basate su Ubuntu.

Linux ti dà la libertà di fare quello che vuoi con il tuo sistema. Lo sblocco dell’utente root è una di quelle libertà.

Se, per qualsiasi motivo, hai deciso di voler abilitare l’utente root, puoi farlo impostando una password per esso:

sudo passwd root

Anche stavolta, ti segnalo che questo non è raccomandato e non ti incoraggio a farlo sul tuo sistema desktop. Se dimentichi la password, non sarai in grado di cambiare di nuovo la password di root in Ubuntu.

È possibile bloccare nuovamente l’utente root rimuovendo la password:

sudo passwd -dl root

Conclusione

Spero che tu adesso abbia una comprensione migliore del concetto di root su Linux. Se hai ancora qualche confusione e domande a riguardo, sentiti libero di fare le tue domande nei commenti e cercherò di risponderti al più presto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy