La migliore distribuzione Linux per principianti

Se sei un novizio di Linux, sei nel posto giusto: ecco quattro distro Linux per utenti poco esperti

0 965

Per coloro che si immergono nel mondo di Linux per la prima volta, districarsi tra le varie distribuzioni o “flavour” di Linux può essere una attività davvero travolgente, specialmente se non sei sicuro di cosa cercare.

Agli albori di Linux, la scelta di una distribuzione (per semplicità chiamata anche solo con il termine “distro”) era molto più semplice.

Di solito ne veniva selezionata una di cui avevamo sentito parlare da qualche amico o quella con cui si era avuta una piccola esperienza.

Sebbene tu possa ancora oggi fare una scelta in base a questi criteri, l’enorme numero di distribuzioni Linux disponibili ora, e le loro basi di fan, rendono difficile accontentarsi di una distro e iniziare.

In questo articolo ho deliberatamente evitato di citare le distro più diffuse e più popolari, perché non volevo indicare esclusivamente distribuzioni facili da usare.

In alternativa, ho selezionato le distribuzioni che ritengo possano essere i punti di partenza ideali.

Ne abbiamo anche considerate alcune che sono specificamente rivolte a chi vuole passare da Windows a Linux.

Per gli utenti macOS, oggi sono disponibili sia Pinguy che Elementary OS: entrambe contengono elementi che sicuramente piaceranno agli switcher dal mondo Apple.

Elementary OS, in particolare, ha un aspetto fortemente somigliante a macOS.

LEGGI ANCHE: Elementary OS 5.0 Juno punta tutto sulla bellezza

Tutte le distro di cui ho parlato nei miei articoli sono state testate sulla stessa macchina dual-core con 4 GB di RAM.

Per ognuna di esse ho selezionato le ultime versioni stabili a 64 bit.

Alcune distribuzioni sono disponibili per processori a 32 bit e possono essere eseguite con meno RAM.

Ti invito pertanto a visitare il sito web ufficiale delle varie distribuzioni e a scoprire i requisiti correnti per te.

La distribuzione deve anche essere facile da installare, in quanto la maggior parte degli utenti probabilmente non ha mai installato Linux in vita sua.

Mi sono anche concentrato sulla gestione del software e sul tipo di applicazioni incluse in ogni distribuzione.

Oltre a questi punti importanti, anche la distribuzione deve essere facile da usare per le attività quotidiane.

La distro per i principianti ideale è quella che fa tutto quello sopra riportato e rende anche facile modificare alcune impostazioni.

LEGGI ANCHE: Le 15 migliori distribuzioni Linux del 2018

LEGGI ANCHE: Pentesting Linux: le migliori distro del 2018

LEGGI ANCHE: Distribuzione Linux per sviluppatori: le migliori del 2018

LEGGI ANCHE: Distribuzioni Linux leggere: le migliori da utilizzare nel 2018

Confronto tra distribuzioni Linux per principianti

Per questo articolo ho preso in considerazione quattro distribuzioni Linux per principianti:

  1. Zorin OS
  2. PinguyOS
  3. Elementary OS
  4. Solus

1 Installazione

L’approccio Live CD di Linux ti consente di testare una distribuzione e di familiarizzare con essa senza doverla prima installare sul tuo disco rigido.

Questo è un ottimo modo per i nuovi utenti di adattarsi a Linux, e di solito puoi installare la distro direttamente dall’ambiente Live se ti piace.

La maggior parte di queste distro ha un’icona sul desktop, è possibile fare doppio clic per avviare il programma di installazione, rendendolo molto semplice per i principianti.

Se si dispone già di un sistema operativo sul computer che si desidera conservare, sarà necessario ridimensionare e partizionare il disco rigido, a questo punto la maggior parte delle persone che passano a Linux esitano.

Questo non è un problema per le distribuzioni Linux dedicate ai principianti.

In effetti, molte distribuzioni non godono di molta popolarità con i principianti perché i loro installatori non sono molto user friendly.

Solus è l’unica distro non basata su Ubuntu in questa guida.

È stata creata a dicembre 2015 e segue un modello a rotazione, il che significa che si aggiorna automaticamente.

La versione più recente, Solus 3, è stata rilasciata ad agosto 2017.

Solus è in fase di sviluppo attivo ma l’installer ha una forte somiglianza con Ubuntu e in quanto tale è molto facile da usare.

È possibile trovare alcuni dei termini sconcertanti, oltre al suddetto partizionamento e formattazione può essere difficile, ma nel complesso il processo è pulito e ordinato.

Le restanti distribuzioni basate su Ubuntu usano tutte una versione leggermente modificata dell’installer di Ubuntu Ubiquity progettato specificamente per i principianti.

Il processo di installazione può essere completato in circa una mezza dozzina di passaggi e ti guiderà attraverso il processo di formattazione del disco rigido, creando un utente, impostando il fuso orario e scegliendo il layout della tastiera.

Il passaggio più importante è il partizionamento, in cui è possibile cancellare l’intero disco e utilizzarlo per installare la distribuzione o specificare un layout partizionato personalizzato.

Ancora più importante, se viene rilevata una versione di Windows, la distro ti consentirà di installarlo a fianco in formato dual-boot.

La cosa migliore dell’utilizzo di Ubiquity, quando sei un principiante, è che c’è molta documentazione.

Inoltre ci sono video di YouTube che ti guidano attraverso il processo di installazione di ciascuna delle distribuzioni basate su Ubuntu descritte in questo articolo.

LEGGI ANCHE: Come scaricare video da YouTube

Poiché queste distribuzioni sono basate su Ubuntu, non è possibile scegliere il software installato.

Una volta scelto il disco di installazione e configurato il partizionamento, la distribuzione installerà automaticamente i programmi preselezionati.

2 Software in dotazione

Le distribuzioni Linux sono solitamente progettate per attrarre il maggior numero di potenziali utenti.

Questa filosofia è alla base anche delle applicazioni incluse.

Tutte le distribuzioni nella nostra guida offrono il minimo indispensabile in termini di programmi, come browser Web, client di posta elettronica, editor di testo, lettore multimediale e così via, ma alcuni includono molto di più.

Solus include alcune app di base: Firefox, Thunderbird e Transmission BitTorrent Client, VLC Media Player, nonché la suite per ufficio LibreOffice.

Tuttavia, non ci sono grafici o altri strumenti di modifica dei media, né giochi.

Zorin è pieno di app, come LibreOffice e il browser Web Chromium.

Include anche l’editor di immagini GIMP, un visualizzatore di immagini, Empathy IM, Rhythmbox music player, Cheese Webcam Booth e OpenShot Video Editor.

A bordo ha anche Wine e PlayOnLinux, che ti consente di installare app e giochi solo per Windows.

PinguyOS è ugualmente ben fornito con Thunderbird, LibreOffice, Empathy, il client BitTorrent di Deluge, il lettore musicale Clementine, Shutter, Wine, PlayOnLinux e molto altro.

Il sistema Elementary OS ha un design molto più elegante che si riflette nelle sue app.

Utilizza il browser web di Epiphany e include anche applicazioni personalizzate come Foto, Musica, Video e Calendario.

C’è persino un’app Mail personalizzata che si basa sul precedente client open source Geary, che si sposa perfettamente con l’interfaccia utente di Elementary OS.

Sebbene la selezione di app sia minima, gli elementi essenziali sono coperti e puoi utilizzare il centro app integrato per aggiungere altri programmi, se lo desideri.

3 Gestione del software

Per la maggior parte dei nuovi utenti, il set predefinito di app dovrebbe essere più che sufficiente per iniziare.

Man mano che ti abitui alla tua distribuzione, potresti voler installare programmi aggiuntivi.

I repository software possono sembrare inizialmente uno strano concetto, ma la maggior parte delle distro fornisce strumenti utili per aiutarti a installare facilmente le applicazioni.

Solus fornisce un front-end che collega sia il proprio repository che una serie di app di terze parti.

Questo può essere un po’ restrittivo per gli utenti più avanzati, ma c’è una vasta selezione di app di livello consumer tra cui scegliere, ed è molto ben strutturata.

Elementary OS una volta era fornito con Ubuntu Software Center, che permetteva di installare una vasta gamma di programmi.

Da quando è stato interrotto lo sviluppo, Elementary OS ha un proprio gestore di pacchetti chiamato AppCenter, perfetto per i nuovi utenti.

AppCenter offre una vasta gamma di app in una serie di categorie chiaramente definite.

Tuttavia, i nuovi utenti potrebbero avere difficoltà a trovare l’applicazione esatta di cui hanno bisogno senza trascinarsi attraverso lunghe liste, poiché non c’è molto in termini di descrizione.

Questo è un problema comune con i gestori software in Linux.

Zorin, come Elementary OS, ha il suo Software Store e anche il Gestore dei pacchetti Synaptic meno glamour.

Supporta l’installazione di applicazioni Google e il browser Web Opera.

Pinguy è basato su Ubuntu 14.04, che è una versione LTS (Long Term Support).

Ciò significa che utilizza ancora l’ormai defunto Software Center di Ubuntu e il Gestore pacchetti Synaptic.

Di default viene abilitato un numero di repository software, che consente di installare programmi progettati per altri sistemi operativi come Linux Mint.

C’è anche una vasta selezione di temi per programmi come il lettore musicale Clementine e il desktop Gnome.

Il gestore PPA è preinstallato può anche aiutarti a gestire i PPA (archivi dei pacchetti personali).

Questo ti permette di installare le ultime versioni di software che altrimenti non sarebbero disponibili dai repository ufficiali di Ubuntu.

4 Usabilità

Puoi dire che un utente ha trovato una distribuzione che gli piace quando inizia a modificare i suoi diversi aspetti.

Allontanarsi dalle opzioni predefinite è un segno di maturità per qualsiasi utente, ma soprattutto per i nuovi utenti Linux.

Le persone spesso affermano che le distro di Linux sono estremamente personalizzabili, ma cosa significa questo per i nuovi utenti?

Certo, puoi cambiare lo sfondo del desktop, il tema delle icone, definire scorciatoie da tastiera, configurare la gestione dell’alimentazione e apportare altre modifiche all’aspetto e al comportamento della distro.

Ma è facile farlo per un utente Linux principiante?

Tutte le distro nella nostra lista ti permettono di fare tutto questo e altro, ma ognuna di loro fa il processo in modo diverso.

Se la distro è rivolta ai nuovi utenti, ha un punteggio elevato se include speciali strumenti personalizzati per aiutare l’utente a personalizzare facilmente la distribuzione a suo piacimento.

Zorin è una delle migliori distribuzioni Linux per utenti inesperti.

Ha tutto quel che serve per offrire un’esperienza amichevole e utilizzabile a chi proviene da un’altra distribuzione Linux o anche da Windows o da macOS.

Oltre al desktop in stile Windows 10, il launcher delle applicazioni personalizzate svolge anche un ottimo lavoro di imitazione del menu Start di Windows 10.

L’edizione Core ha abbastanza per stuzzicare l’appetito.

La versione “Ultimate” a pagamento di Zorin supporta anche i layout desktop macOS, Gnome 2 e Unity utilizzando lo strumento “Zorin Appearance”.

Zorin stimola anche buone pratiche ricordando regolarmente agli utenti di eseguire i backup utilizzando l’app integrata.

Tutto sommato, la distro ha il giusto mix del meglio di Ubuntu cosparsa di alcune app Zorin personalizzate, come le app Look e Theme Changer.

Elementary OS è una delle distro basate su Ubuntu più semplici disponibili, e come tale è un buon punto di partenza per i principianti.

La distribuzione Elementary OS pone grande enfasi sul design e questo ha portato a una curiosa scelta di applicazioni integrate.

Anche se queste potrebbero non essere gradite a tutti, le app sono altamente utilizzabili e un sostituto adatto per le loro alternative più popolari.

Usa un dock per emulare l’aspetto di macOS, ma non è particolarmente configurabile – e lo stesso vale per il desktop nel suo complesso.

Pinguy una volta ha rilasciato nuove versioni stabili in concomitanza con l’ultima versione di Ubuntu, ma di recente è stazionario poiché il suo creatore non vede un ritorno positivo nel tempo che sta spendendo per creare e mantenere la distro.

Detto questo, Pinguy è meravigliosamente stabile e un’opzione molto attraente per tutti gli utenti Linux.

Se sei un principiante assoluto o qualcuno che sta cercando di passare a un’altra distro, questo sistema operativo vale sicuramente il tuo tempo.

Pinguy viene fornito anche con Docky, uno strumento che puoi utilizzare per creare qualsiasi numero di dock personalizzati.

È possibile aggiungere docklet a ciascuno di questi dock, ad esempio meteo, monitor di utilizzo della rete e switcher dell’area di lavoro.

Include anche lo strumento Tweak per aiutarti a configurare facilmente molti aspetti diversi del desktop.

Un’area in cui Solus colma il divario sui suoi concorrenti è in termini di configurazione desktop.

Ciò è dovuto in gran parte al fatto che il proprio desktop Budgie ha una serie di opzioni di configurazione, rendendo relativamente facile personalizzarlo secondo i propri gusti.

5 Servizi commerciali a pagamento

Una distribuzione può avere diverse ragioni per offrire componenti aggiuntivi a pagamento.

Molto spesso accade perché gli sviluppatori stanno cercando di fare un po’ di soldi in modo che possano giustificare l’esecuzione di un sistema operativo libero.

Questo è il motivo per cui alcune distro offrono anche la possibilità per gli utenti di fare donazioni al progetto.

Zorin OS produce una versione Ultimate che può essere scaricata dopo aver effettuato un pagamento PayPal di € 19.

Offre contenuti allettanti come i layout desktop macOS e 20 giochi.

Riceverai anche un supporto premium.

La distribuzione Zorin OS supporta anche donazioni una tantum e sono in arrivo versioni più specializzate.

PinguyOS ha anche un ampio negozio su CafePress, da dove è possibile ottenere tutti i tipi di oggetti, come tazze, magliette, borse e bavaglini.

Puoi anche donare tramite PayPal o su Patreon.

Il sito Web di Elementary OS dà l’impressione che è necessario pagare una tariffa per il sistema operativo prima di scaricarlo (digitare 0 nella casella “Personalizzato” per saltare questa opportunità).

Ha anche un negozio solo negli Stati Uniti che offre merce.

Inoltre, supporta donazioni mensili in corso attraverso Patreon per aiutare lo sviluppo futuro.

Solus incoraggia sia donazioni una tantum che mensili tramite Paypal o Patreon, offrendo in cambio accesso anticipato a versioni di sviluppo e supporto premium.

Puoi anche mostrare il tuo sostegno acquistando un adesivo Solus per la tua macchina.

6 Supporto e documentazione

A prescindere dal passato di un utente, i principianti di Linux incontreranno un modo molto diverso di fare le cose, in termini di tutto, dall’aspetto alle app alternative che dovranno padroneggiare.

Questo è il motivo per cui la distro che scegli deve fornire un’ampia documentazione.

Sono anche apprezzate risorse aggiuntive, come forum forum, mailing list, wiki e così via, che possono aiutare un principiante a sfruttare l’esperienza collettiva della comunità.

Elementary OS fornisce documentazione intuitiva e di facile comprensione sul proprio sito web.

Il progetto ha anche una pagina di risposte, in cui chiunque può inviare domande al fine di ottenere, beh, risposte.

Solus organizza i suoi numerosi materiali di supporto nel Centro assistenza sulla sua home page.

Esistono forum di community che offrono tutorial, supporto per l’installazione e altro ancora, oltre all’accesso a ulteriori risorse di assistenza tramite Google+, IRC e Reddit.

Le cose sono completate da una wiki nascente che dovrebbe aiutare con domande più tecniche.

Sebbene fornisca solo una guida all’installazione di barebone, Zorin OS si rifà a questo altrove.

Nel suo menu Start è presente un comodo pulsante Guida che conduce direttamente ai relativi forum utente, con sezioni che includono guide pratiche, installazione della guida e altro.

Il progetto ha anche un canale IRC (#ZorinOS), che mira a rispondere alle tue domande all’istante.

PinguyOS offre ai suoi utenti tutto ciò che fa Zorin e in più, c’è anche una guida di installazione passo dopo passo per aiutarti.

7 Ciclo di rilascio

Esistono tre modi in cui le distribuzioni Linux vengono sviluppate e aggiornate: pianificazione fissa, funzionalità fisse e rilascio continuo.

Le distribuzioni Linux in esecuzione con una metodologia a funzionalità fissa vengono rilasciate quando tutto è pronto: non esiste una data specifica per una versione.

Elementary OS è una distro di feature fisse nonostante sia basata su Ubuntu, che viene eseguita con un programma predeterminato.

L’attuale versione di Loki è basata su Ubuntu 16.04 LTS (supporto a lungo termine), e Elementary ha chiarito che ha sempre intenzione di creare versioni dal ramo LTS.

Il programma fisso è uno dei cicli di rilascio più popolari ed è seguito dalla maggior parte delle distro.

In un programma fisso, una nuova versione viene rilasciata a intervalli regolari, di solito ogni sei mesi.

Ubuntu segue questo ciclo di rilascio semestrale e quindi, naturalmente, la maggior parte delle sue derivate ​​fa lo stesso.

Zorin OS è basato sull’ultima versione di Ubuntu.

Il lavoro su una nuova edizione inizia non appena viene resa disponibile una nuova versione di Ubuntu, ma ci vuole del tempo perché lo sviluppatore produca le diverse edizioni.

Le versioni di Pinguy per sei mesi sono state distribuite con software all’avanguardia e non sono state considerate stabili, ma nessuna nuova versione è stata rilasciata dalla distribuzione basata su Ubuntu 14.04.

Le versioni stabili sono basate su versioni di Ubuntu LTS che sono supportate per cinque anni.

Lo sviluppatore Pinguy ha recentemente rilasciato una versione aggiornata di Pinguy tramite i forum, e ha anche promesso di rilasciare nel 2018 una versione ufficiale di Pinguy basata su Ubuntu 18.04.

Solus è l’eccezione qui perché è stato creato da zero piuttosto che basato su un sistema operativo esistente.

Gli sviluppatori del progetto prevedono di rilasciare aggiornamenti trimestrali minori (1.1, 1.2, ecc.) e un aggiornamento importante ogni anno.

Ogni versione principale sarà supportata per due anni, quindi il supporto per la versione 3, che è stata rilasciata ad agosto 2017, continuerà per tutto il 2018 e il 2019.

8 Il verdetto finale

L’ecosistema Linux è spesso elogiato, e talvolta criticato, per aver dato agli utenti troppa scelta.

Questo è vero non solo per le applicazioni, ma anche per le distribuzioni.

C’è stato un periodo in cui è stato considerato il massimo per gli utenti esperti di Linux lamentarsi della proliferazione di una particolare distribuzione, ma non ha fatto nulla per arginare la situazione.

Le macchine desktop Linux rappresentano ancora solo una piccolissima porzione di computer, ma questo sta lentamente cambiando ad ogni nuova versione.

Come nuovo utente Linux, potresti avere le vertigini sfogliando l’elenco delle distro, ma questa non è una brutta cosa.

Significa che hai una maggiore possibilità di trovare la distribuzione giusta per te.

Se non vedi l’ora di trovare la distribuzione perfetta per le tue esigenze, ovviamente una di queste distro progettate per principianti è un buon punto di partenza.

Pinguy, sfortunatamente, non è più in vetta alle classifiche a causa del suo sviluppo in stallo.

Vale la pena provarla, ma lo sviluppatore ha inviato messaggi contraddittori, affermando sul suo sito Web che potrebbe addirittura eliminare completamente lo sviluppo del sistema operativo, ma successivamente rilasciando una versione aggiornata di Pinguy tramite i forum.

Elementary OS ha iniziato come contendente per il miglior sistema, ma piccoli inconvenienti come una ridotta selezione di app predefinite lo ha fatto finire al terzo posto nelle mie preferenze.

Solus è stato recentemente resuscitato dopo essere rimasto inattivo per un po’, ma ha rapidamente fatto progressi nel corso del 2017.

Sembra inoltre che stia eseguendo un programma di rilascio coerente e stia migliorando sempre.

Zorin raggiunge il primo posto per il 2018.

Ha diverse varianti commerciali, include strumenti personalizzati e piacerà agli utenti di Windows con il suo desktop personalizzato.

Quindi, ecco i risultati finali completi, insieme ai link di download per le distro in questione:

1° posto: Zorin OS

Web: https://zorinos.com

Versione: Zorin OS 12.2 Core

Verdetto: distro molto buona per la maggior parte dei nuovi utenti

2° posto: Solus

Web: http://www.solus-project.com

Versione: 3

Verdetto: una distro per principianti notevolmente migliorata

3° posto: Elementary OS

Web: https://elementary.io

Versione: Loki 0.4.1 (Basato su Ubuntu 16.04.02)

Verdetto: molto usabile ma inizialmente un po’ scarso

4° posto: PinguyOS

Web: http://www.pinguyos.com

Versione: 14.04.4 (ufficiale)

Verdetto: una distro piacevole da usare, ma c’è il pericolo che a breve non sia più supportata

Conclusione

In questa guida abbiamo scelto di non concentrarci su nessuna delle diffusioni tradizionali a favore di quelle che riteniamo ideali per i nuovi arrivati.

Ci sono utenti Linux che credono che non esista una distribuzione adatta ai principianti, e il trucco è perseverare nell’utilizzo per imparare ad usarla nel modo migliore.

Abbiamo spesso visto raccomandare ai nuovi utenti distribuzioni complesse come Arch e Gentoo, insieme a versioni più familiari di Linux come Debian, Slackware, Fedora e Ubuntu.

Gentoo e Arch possono certamente insegnarti il funzionamento di Linux come nessun’altra distro, ma persino gli utenti Linux con esperienza evitano questi sistemi operativi, dato che è molto probabile che tu possa rinunciare a causa della frustrazione per il complesso processo di installazione.

Alla fine, la cosa migliore è usare la modalità Live per ciascuno dei sistemi operativi che abbiamo descritto in questo articolo per sperimentare e trovare una distribuzione adatta a te.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.