Asus GL552

asus gl552
0 31

Il modello Asus GL552, benché appartenente alla serie Republic off TGamers dunque nato espressamente per i giochi, si presenta con un aspetto tutto sommato sobrio e poco appariscente, considerando l’estetica aggressiva è molto colorata dei vari concorrente, anche della stessa Asus.

Questo modello cerca di tenere basso il prezzo quanto più possibile, mirando direttamente alla sostanza ed evitando troppi fronzoli.

Non si è risparmiato sui due aspetti principali, la potenza di calcolo e il display, entrambi su un buon livello, il telaio è costruito in plastica piuttosto ruvida ma molto resistente.

Esteriormente l’unico elemento di spicco dell’Asus GL552 è il logo Rog su una placca di alluminio posizionata sul vetro del display.

Aprendo il notebook, si evidenzia la tastiera retro-illuminata di rosso e la particolare texture che ricopre la parte interna del telaio.

Il peso è ben al di sotto dei tre chili un buon traguardo considerando che c’è anche il masterizzatore DVD integrato.

Lo spessore massimo dell’Asus GL552 è di 3,4 cm.

I tasti sono ampi e ben distanziati, peccato che si avverte una leggera flessione sotto battitura.

Il touchpad invece risponde molto bene, è ampio, preciso e con un buon feedback.

La novità principale rispetto ai modelli precedenti della stessa serie è la adozione di un processore Intel core e di stessa generazione: quindi troviamo un potente Core i7-6700HQ, un quad core da 2,6 GHz con frequenza turbo di 3,5GHz.

Insieme all’adozione delle nuove memorie Ddr4 offre un leggero aumento di prestazioni e consumi elettrici inferiori rispetto ai modelli passati.

Anche il chip grafico è diverso, passando da un Geforce 950M a un più veloce 960M, con 4 Gbyte di pregiata memoria Gddr5 integrati.

Il GTX 960M è una soluzione di fascia medio-alta molto diffusa sui notebook da gioco più attenti al rapporto prezzo/prestazioni e può dare numerose soddisfazioni. Non è al top della gamma Nvidia ma ha consumi piuttosto contenuti.

E’ stata sulla recente architettura Maxwell e dispone di 640 Cuba core con processo produttivo a 28 nanometri.

Le prestazioni misurate sono in linea con quanto atteso e premettono di affrontare anche i giochi più recenti, anche se non al massimo della qualità visiva.

A questo proposito segnaliamo anche l’efficienza del sistema di raffreddamento, che su Asus GL552 appare ben dimensionato e riesce a smaltire agevolmente il calore anche nei momenti di maggior stress.

Il telaio del notebook scalda poco anche durante le sessioni di gioco.

L’Asus GL552 utilizza due dischi: un veloce Ssd Samsung da 128 Gb su modulo M.2 per sistema operativo e applicazioni, più un tradizionale Hitachi da 2,5″ con capacità di 1 terabyte, utilizzabile per i dati.

Una soluzione ibrida che ha il vantaggio di offrire ampio spazio di archiviazione; il disco Ssd ha dimostrato ottime prestazioni e in futuro può essere sostituito con uno di maggiore capacità, se necessario.

Sul fondo del telaio c’è un pratico sportellino che permette di accedere ai componenti interni, compresi i due slot della memoria; solo la scheda Wi-Fi non è accessibile.

Il display ci ha ben impressionato: è in tecnologia Ips e ha una risoluzione di 1.920 x 1.080 pixel, ideale per i giochi e la produttività.

Ha angoli di visione molto ampi, ottime doti di luminosità e contrasto, colori vivaci e non troppo saturi e c’è anche un efficace filtro anteriore antiriflesso.

L’audio e di buona qualità e non distorce ai volumi alti.

80%

Asus GL552

  • Giudizio finale
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.